Contenuto principale

Un volontario in più significa un bambino aiutato in più. Tu fai la differenza. Se senti che ti piacerebbe partecipare, ma hai paura di prenderti un impegno troppo faticoso, considera che puoi metterti a disposizione per quanto tempo vuoi tu. L'ideale è mettersi a disposizione per almeno un giorno alla settimana, ma servono anche persone che siano a disposizione su base occasionale, quando magari un altro volontario non può a causa di imprevisti. Puoi anche metterti a disposizione assieme ad un tuo amico/a, in modo da alternarvi e fare una lezione ciascuno ad un solo bambino.

I volontari sono normalmente in contatto con i genitori del bambino, con gli insegnanti e con il coordinatore del progetto: non sono mai lasciati da soli. Durante le lezioni sono presenti solo i volontari ed i bambini, ma, all'occorrenza, per ogni eventuale problema, tutte le persone che collaborano a vario titolo sono a disposizione, sia per problemi ordinari, come potrebbe essere una supplenza, sia per problemi più difficiil che possono nascere, come difficoltà di relazione fra volontario e bambino (che è un problema che si è già presentato e che abbiamo risolto).

Se vuoi maggiori informazioni, se vuoi metterti a disposizione, magari anche solo per una supplenza per provare se ti piace, contatta Lucio Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonando al numero 349.1693301.

ANNO 2015

Durante l'anno scolastico 2014/15 gli incontri de «Il Doposcuola Villar» si tengono presso la scuola F. Marro di Villar Perosa. Abbiamo scelto, in accordo con la scuola e con il Comune, questa nuova collocazione, perché ha vari vantaggi rispetto alla sala consiliare del Comune, fra cui maggiore spazio e costi minori, dato che la scuola è già aperta e riscaldata. Questo ha permesso di organizzare incontri del doposcuola durante tutti i giorni scolastici. Inoltre questo permette un contatto più diretto fra i volontari e gli insegnanti, in caso di bisogno.

ANNO 2014

Durante l'anno scolastico 2013/14 gli incontri de «Il Doposcuola Villar» si tengono presso la sala consiliare del Comune di Villar Perosa. Il Comune è quindi parte attiva del progetto e collabora nella realizzazione anche concretamente, oltre che dal punto di vista puramente rappresentativo. «Il Doposcuola Villar», almeno per ora, non è un'associazione, non ha uno statuto e quindi non ha un presidente o un direttivo. Come conseguenza non ha neppure una sede legale o operativa. È semplicemente un gruppo di volontari. Gli incontri si tengono ogni lunedì, mercoledì e venerdì a partire dalle 16:45 circa (subito dopo l'uscita dei bambini da scuola) e durano due ore circa (compatibilmente con la disponibilità dei volontari, dei bambini e con la capacità di concentrazione dei bambini dopo che hanno già fatto un'intera giornata a scuola). Ogni volontario è libero di dare la propria disponibilità per uno o più giorni alla settimana in quell'orario.

Attualmente la sala consiliare non è stata richiesta al Comune per il martedì e per il giovedì, ma se ci fossero dei volontari disponibili in tali giorni (più di un solo volontario), sarebbe possibile fare richiesta anche per questi giorni, previa verifica di disponibilità da parte del Comune.

Gennaio 2013: arriva in Consiglio Pastorale Parrocchiale della parrocchia San Pietro in Vincoli di Villar Perosa una richiesta di aiuto per una bambina con particolari difficoltà a scuola. Francesca si fa portavoce di questa richiesta, facendo però notare che offrire aiuto in questo senso potrebbe portare ad una gestione difficile, perché il rischio è che poi arrivino genitori a frotte per lasciarci i bambini a fare i compiti. A chi dire di sì e a chi dire di no a quel punto?

Lucio in passato aveva già partecipato come volontario ad un progetto di doposcuola, presso la parrocchia di Piossasco, e sapeva quindi come risolvere il problema. Espone quindi agli altri come si risolve quel problema e si mette a disposizione come coordinatore del progetto: nasce «Il Doposcuola Villar».

Il doposcuola non è solo un posto dove fare i compiti. È un cammino di crescita personale durante il quale il bambino ed il volontario imparano a conoscersi, a fidarsi reciprocamente l'uno dell'altro e crescono assieme. In quest'ottica il doposcuola può funzionare solamente in un modo: abbinando un singolo volontario ad un singolo bambino o al massimo a due bambini per lezione. Non sono previste lezioni di classe, anche se, a volte, per particolari attività circoscritte a scopi specifici, è possibile creare piccole classi di pochi bambini.

È evidente che il numero di bambini che si possono aiutare è limitato non tanto dallo spazio del locale, quanto dal numero di volontari. Non è quindi possibile soddisfare tutte le richieste di aiuto, perché il numero di posti è limitato.

Le uniche persone che possono scegliere in modo imparziale quali siano i bambini che hanno la precedenza e che quindi vengono accolti al doposcuola, sono gli insegnanti della scuola. «Il Doposcuola Villar» si avvale della collaborazione degli insegnanti dell'Istituto Comprensivo F. Marro, i quali, sapendo quanti posti ci sono a disposizione, scelgono quali bambini mandare al doposcuola e lo propongono alle rispettive famiglie.

La scuola non può però comunicare alcun nominativo ai volontari del doposcuola, per ragioni di privacy. La soluzione è semplice. «Il Doposcuola VIllar» consegna alla scuola un numero di schede di iscrizione pari al numero di posti disponibili. La scuola consegna una scheda di iscrizione ad ognuno dei bambini prescelti, i quali si iscrivono direttamente al doposcuola semplicemente presentandosi spontaneamente agli incontri con la scheda compilata e firmata dai genitori.

«Il Doposcuola Villar» è un gruppo di persone che si mette a disposizione dei più piccoli per aiutarli nel loro cammino di crescita culturale ed educativa. È un cammino di crescita personale che i volontari fanno assieme ai bambini. Alla base del progetto, l'attività principale è l'aiuto nello svolgimento dei compiti che gli insegnanti della scuola assegnano ai bambini. Tutti i bambini hanno bisogno di aiuto per diventare autonomi nello studio, ma alcuni di loro non possono ottenere tale aiuto a casa: alcuni hanno genitori stranieri o comunque analfabeti o impossibilitati ad aiutarli per altri motivi. «Il Doposcuola Villar» esiste per loro.